5 vele di Legambiente: ecco le spiagge più belle della Puglia

Come ogni anno, Legambiente ha stilato la classifica delle migliori località balneari d’Italia.

Tra conferme e sorprese, una delle regioni più premiate anche in occasione di questa edizione è stata proprio la bellissima Puglia. Le vele consegnate quest’anno ai vari comprensori sono state addirittura 40, a dimostrazione del fatto che il modello di turismo a cui si è lavorato negli ultimi anni sta dando i suoi frutti. Proprio la Puglia, inoltre, è riuscita a salire sul podio delle regioni più premiate d’Italia dopo la Sicilia e la Sardegna. Ma quali sono state le spiagge premiate? Scopriamolo insieme.

5 vele di Legambiente: le spiagge pugliesi più premiate

Al contrario di quanto accaduto negli anni precedenti, in questa occasione l’associazione del cigno ha deciso di premiare i comprensori e non i singoli comuni.

La decisione è stata dettata dalla volontà esplicita di non creare una inutile competizione ma, al contrario, di incentivare una positiva sinergia tra le varie località al fine di riuscire a dare forma ad un prodotto turistico di altissima qualità.

I comprensori che sono stati insigniti delle 5 vele di Legambiente sono l’Slto Salento bagnato dalle acque del mar Adriatico e la Costa del Parco agrario degli ulivi secolari. In questi due comprensori insistono località del calibro di Otranto, Fasano, Ostuni e Polignano a mare. Tra l’altro, è interessante tenere conto anche del fatto che oltre alle 5 vele la Legambiente ha ottenuto altri riconoscimenti per comprensori come il Basso Salento bagnato dalle acque dello Ionio, la costa della Puglia imperiale, il Gargano, le Tremiti e il golfo di Taranto. Un vero e proprio full d’assi, insomma.

Tra natura e attrazioni: il turismo di qualità targato Legambiente

I riconoscimenti attribuiti dalla Legambiente alla Puglia rappresentano allo stesso tempo un traguardo raggiunto ed un nuovo punto di partenza. Il modello di turismo pugliese si basa essenzialmente sull’incontro tra natura, storia, archeologia, mare, cultura ed attrazioni, il tutto nel pieno rispetto dell’ambiente.

Proprio per questo motivo, Legambiente ha deciso di incentivare questo percorso e consentire alle realtà locali di continuare il percorso intrapreso, al fine di potenziare ancora di più i propri prodotti turistici e magari riuscire a raggiungere il gradino più alto del podio nei prossimi anni.

Di sicuro, i turisti quest’anno non avranno che l’imbarazzo della scelta. Castellaneta, Rodi Garganico, Porto Cesareo, Gallipoli, Peschici: sono queste solo alcune delle località menzionate da Legambiente nella Guida Blu 2017 assolutamente da non perdere se si ha intenzione di trascorrere una vacanza tra natura, ambiente, tradizioni e un mare da fare invidia.

Tag: