Cabine in spiaggia. Ieri e oggi

Qual è un elemento caratteristico delle spiagge italiane? Aiutino: ha una porta, un tetto, può essere colorata e all’interno presenta delle panchine. Stiamo parlando delle cabine. Strutture che somigliano a delle casette in legno, che un tempo erano utilizzate per spogliarsi dei panni di città e indossare il costume da bagno. Anche oggi hanno lo stesso fine, ma in molti casi diventano soprattutto degli elementi di arredo e di stile. Proprio come avviene al lido Marinelli a Felloniche, nel Salento. Cabine rigate in cui il bianco si alterna all’arancione, al giallo, al rosso, al verde e al celeste.

lidomarinelliPuglia

salentomare

bagnimarinelli11

Le cabine non hanno avuto sempre la stessa forma e in un periodo storico hanno avuto addirittura le ruote. Cento anni fa si chiamavo bathing machine, le macchine da bagno. Sembra stranissimo, soprattutto se si pensa a quanto ha rappresentanto la cabina – come la vediamo oggi – negli splendidi anni dai Venti ai Sessanta.

cabine5

cabine3

Basti considerare che nel Settecento il costume da bagno non esisteva e in molti si tuffavano al largo nudi. La “macchina da bagno” serviva per raggiungere il punto da cui non essere visti. Durante gli anni della Regina Vittoria, in Inghilterra, ebbe il boom la bathing machine in contemporanea alla necessità di utilizzare un abbigliamento rigido e casto. Basta con il bagno nudi e al via con i costumi da bagno. 

Le cabine con le ruote potevano essere di legno ed erano chiuse solitamente con una tenda. I bagnanti e vacanzieri, divisi per sesso, entravano in cabina, indossavano il costume da bagno, la bathing machine veniva trascinata in acqua e dal luogo in cui essa veniva fermata ci si poteva tuffare, evitando la sfilata sul bagnasciuga. Vietato duramente dal galateo.

Modalità apprezzata tantissimo dai giovani di oggi, che adorano mostrare muscoli, glutei e gli outfit beachwear. Come biasimarli? Non era certamente fashion camminare con calzoni e tuniche lungo la spiaggia. 

I nonni raccontano che in Puglia, durante le vacanze estive, coloro che non avevano la possibilità di affittare ville o alberghi erano soliti stabilirsi in spiaggia con tende e macchine. Parliamo degli anni Settanta, ma questa è un’altra storia in cui vorremmo che partecipassi anche tu. Inviaci delle immagini dei tuoi nonni o parenti al mare. Conttataci o inviaci un messaggio tramite facebook.

cabine1

Photos: dall’archivio Getty, le immagini di bagnanti al mare scattate su alcune spiagge della Gran Bretagna e del Belgio tra la fine dell’Ottocento e il 1920 

Fonte Repubblica